Benvenuto {bk-param:login-name} - Disconnettiti

Farmacia Antiche Terme snc

Tutti i consigli

I CONSIGLI DEL FARMACISTA


Mialgia e dolori muscolari

Pubblicato il: 03/11/2022

Che cosa sono le mialgie
Quando si parla di muscoli, in genere, il pensiero corre a una parte del corpo ritenuta sempre in salute e forte, quasi immune da rischi. Invece, anch’essa può essere soggetta a fastidi e sofferenze. Basta un movimento brusco, un allenamento sportivo fatto male o a lungo, un portamento scorretto, ed ecco comparire il dolore.
Le mialgie sono dolori muscolari localizzati (per esempio un dolore lombare causato dal cosiddetto colpo della strega o dolori intercostali provocati da uno stiramento) o generalizzati, che possono avere cause molto diverse (dai traumi a disturbi di varia natura).
Oltre al tipo di dolore, anche l'entità è variabile: quasi a tutti capita di avere male ai muscoli di tanto in tanto, ma in alcuni casi il fastidio può essere molto intenso, oppure può durare per mesi. È il caso per esempio della fibromialgia, una condizione i cui sintomi (dolore muscolare diffuso, spossatezza, problemi del sonno) possono peggiorare notevolmente la qualità di vita di chi ne soffre.
Le cause della mialgia
Il tipo più comune di mialgia localizzata è quella causata da un uso eccessivo del muscolo o da un danno associato a un'attività troppo intensa. Dolori muscolari alle gambe che compaiono durante l'esercizio fisico possono, per esempio, essere il segnale di uno stiramento muscolare.
Può anche capitare che un farmaco (per esempio le statine usate per abbassare i livelli di colesterolo nel sangue), l'infezione da parte di virus e batteri (come l'herpes e il Coxsackie virus) o una malattia scatenino dolori non associati a un singolo muscolo, ma diffusi in tutto il corpo, come i dolori influenzali. Dolori muscolari e influenza sono infatti spesso correlati, così come si manifestano di frequente insieme febbre e dolori muscolari o, soprattutto per chi soffre già di cervicalgia, mal di testa, febbre e dolore al collo.
Una situazione frequente di dolore muscolare acuto è dovuto a una contusione muscolare o ai crampi, contrazioni involontarie e improvvise di un muscolo o di un fascio di muscoli. Il disturbo si manifesta con una fitta intensa non solamente durante uno sforzo, ma anche a riposo, che immobilizza la parte colpita, mentre il muscolo appare contratto e duro. Anche se le cause dei crampi muscolari sono molte, quella più frequente è dovuta a una riduzione localizzata del flusso di sangue: mancando l’ossigeno e il nutrimento necessario, il muscolo va incontro a dolore.
Altri fattori di rischio sono:
    un'idratazione inadeguata;
    gli squilibri elettrolitici dovuti a una sudorazione abbondante con perdita di liquidi e sali minerali, che determinano un’eccessiva stanchezza;
    uno sforzo muscolare intenso che produce una maggiore quantità di acido lattico che “intossica” i tessuti muscolari;
    un tuffo in acqua fredda perché causa una riduzione del calibro dei vasi sanguigni e scarso afflusso di sangue;
    i bassi livelli di calcio nel sangue (ipocalcemia) dovuti ad alcune malattie o a una sua eccessiva eliminazione renale.
    Per prevenire i crampi sono possibili diverse strategie: per esempio, per recuperare i sali minerali persi possono essere utili integratori per i crampi muscolari, vale a dire integratori alimentari a base di potassio e magnesio, mentre secondo alcuni studi contro l'acido lattico rimedi come il bicarbonato di sodio potrebbero accorciare i tempi di recupero.
    Presenza di malattie reumatiche (come la polimialgia reumatica, un'infiammazione acuta che provoca rigidità e dolore intenso nei muscoli di collo, spalle, schiena e anche, e il lupus eritematoso sistemico), disturbi alla colonna cervicale causati soprattutto da abitudini sbagliate, come mantenere a lungo una posizione scorretta da seduti, da sdraiati o durante il sonno, possono causare una sindrome dolorosa acuta e non dare segni della loro presenza per anni.
    Poi, in seguito a un movimento brusco o eseguito male, il disturbo si riacutizza e provoca un dolore che può essere insopportabile, bloccando ogni movimento.
    I dolori muscolari possono essere nemici in particolare di chi passa molte ore alla scrivania (che può soffrire del cosiddetto mal di schiena da postura), dei genitori (che possono veder comparire d'improvviso un forte mal di schiena nel sollevare i bambini in maniera scorretta), di chi ama le basse temperature in macchina o a casa (a volte l'aria condizionata fa male se ci si espone direttamente all'aria fredda), così come degli sportivi (è stata per esempio osservata una correlazione tra l'uso prolungato della bicicletta e il mal di schiena).
    Anche cadute o attività che determinano strappi o stiramenti, oppure un ematoma, così come movimenti bruschi e improvvisi (come nel caso del colpo di frusta) o deviazioni della colonna vertebrale che causano infiammazioni ai muscoli, possono scatenare il dolore.
    C'è poi la causa endocrina: infatti, anche l'ipotiroidismo (una condizione di ipoattività della tiroide che provoca un generale rallentamento delle funzioni vitali) può causare crampi muscolari, accompagnati talvolta dalla sindrome del tunnel carpale, che si manifesta con formicolio e dolore alle mani, polso rallentato, palmo della mano e pianta del piede di colore arancione.
    Un’altra causa di dolore muscolare è dovuta alla rabdomiolisi, cioè la rottura delle cellule dei muscoli. In questo caso le fibre muscolari, danneggiate da lesioni, traumi, farmaci (non solo statine, ma anche ansiolitici, antipsicotici, anfetamine), alcol o infezioni, si scompongono, rilasciando il materiale che contengono all'interno del flusso sanguigno.
    Infine, è stata ipotizzata una correlazione anche tra dolori muscolari diffusi e ansia o stress e tra celiachia e dolori muscolari.Nella seguente tabella sono riassunte le cause delle diverse forme di mialgia.
Forma di mialgia - Mialgia traumatica
Cause - Strappi o stiramenti muscolari
Forma di mialgia - Mialgia virale
Cause - Virus influenzali
Forma di mialgia - Mialgia parassitaria
Cause - Trichinellosi
Forma di mialgia - Mialgia reumatica
Cause - Malattie reumatiche
Forma di mialgia - Mialgia da affaticamento
Cause - Stress muscolare da sforzo eccessivo, crampi
Le cure: quando ricorrere ai FANS
Quali sono gli antidolorifici più efficaci? Il trattamento migliore dipende dalla causa del dolore: per esempio, quello che per alcuni è il miglior antidolorifico per la cervicale, può non essere efficace in caso di dolori influenzali. Anche nel caso del mal di schiena, i rimedi possono variare a seconda che il dolore sia causato da una contrattura o da uno stiramento.
In genere quando la mialgia deriva da un esercizio fisico eccessivo o da un'infezione virale, il dolore può essere combattuto con farmaci con effetto analgesico e antinfiammatori acquistabili in farmacia senza ricetta medica.
Si possono applicare anche medicinali per uso topico. Tra quelli più efficaci nel trattamento del dolore muscolare si annoverano i FANS (farmaci antinfiammatori steroidei) per uso esterno, come per esempio quelli a base di ibuprofene sale di lisina al 10%, che garantiscono un rapido ed efficace assorbimento e non comportano gli effetti collaterali a livello gastrointestinale tipici dei FANS da assumere per bocca.