Benvenuto {bk-param:login-name} - Disconnettiti

Farmacia Antiche Terme snc

Farmacia Antiche Terme snc

Via Stra', 50
37042 - Caldiero (VR)
Tel.: 0457650022
P.IVA: 02455710232
farmacia.anticheterme@gmail.com

  


Orari di apertura: Orario continuato da lunedì a sabato dalle 8.00 alle 20.00
Domenica e festivi dalle 9.00 alle 13.00


Coupon

I consigli del farmacista

Nuoto: fa bene al cuore e non solo a quello

Il nuoto vanta una serie di effetti benefici su fisico e mente. Primo tra tutti se ne avvantaggia il sistema cardiovascolare, ma non soltanto quello.Il nuoto è un’attività aerobica, utile a chi vuole mantenersi in forma o, in associazione ad altre accortezze comportamentali (alimentazione, stile di vita), per perdere peso: un’ora di nuoto fa bruciare, a seconda dello stile e della rapidità, da 400 a 700 calorie!Come gran parte degli sport contribuisce a ridurre la pressione arteriosa e a migliorare i livelli di glucosio e di grassi nel sangue, riducendo così il rischio di malattie cardiovascolari quali infarto e ictus.Poiché l’acqua oppone una resistenza maggiore rispetto all’aria, il nuoto impone l’utilizzo di tutti i gruppi muscolari, rinforzandone il tono e armonizzandone l’attività.Grazie al sostegno offerto dall’acqua il nuoto non richiede sforzi bruschi e controproducenti in caso di disturbi articolari, lombalgia, traumi pregressi: per questa ragione un’attività dolce, anche di semplice galleggiamento, può trovare le più ampie indicazioni.Il nuoto, nell’ambito delle terapie termali, può anche associare benefici per vari distretti corporei, dalla cute all’apparato respiratorio.Saperesalute.it > Salute e Benessere > Nuoto: fa bene al cuore e non solo a quelloNuoto: fa bene al cuore e non solo a quelloIl nuoto vanta una serie di effetti benefici su fisico e mente. Primo tra tutti se ne avvantaggia il sistema cardiovascolare, ma non soltanto quello.Tempo di lettura: 7 minutiUltimo aggiornamento: 19 Febbraio 2020  Uno sport essenziale, in tutti i sensiUn vero allenamento per il cuoreVantaggi a tutto tondoSul fisico......e sulla psicheChiedi subito il parere gratuito di un MedicoAdatto a tutti, può essere praticato in piscina oppure al mare, da soli o in compagnia, a livello amatoriale o agonistico. In ogni caso il nuoto resta uno tra gli sport più salutari. Ecco i suoi numerosi vantaggi.Tra tutti gli sport, il nuoto è tra quelli che vantano maggiori effetti benefici, su fisico e mente. È indicato a tutte le fasce d’età, non richiede accessori particolari.Può essere praticato in piscina come pure al mare, da soli o in gruppo, come passatempo oppure come vero e proprio impegno, anche agonistico, come esercizio singolo oppure abbinato ad attività competitive o ludiche.Tra l’altro, indipendentemente dal piacere soggettivo del contatto con l’acqua e dalle prestazioni che ciascuno potrebbe sognare o cercare di raggiungere, va anche ricordato che esso, in particolari circostanze, acquista anche il significato di “abilità salvavita”.Uno sport essenziale, in tutti i sensiNon a caso un messaggio frequentemente ribadito è che dovrebbe essere insegnato a tutti i bambini il più precocemente possibile.Non solo. Molti ortopedici e pediatri consigliano spesso il nuoto in caso di alterazioni osteoscheletriche (per esempio scoliosi) o per rinforzare il tono muscolare.In realtà, ogni caso richiede una valutazione personalizzata, ma non dimentichiamo che le attività in acqua trovano ampio utilizzo in fisioterapia, per la rieducazione al movimento, la correzione posturale e il trattamento di diverse patologie.A questo da una decina di anni a questa parte si aggiunge anche il crescente interesse delle neomamme, sempre più assidue frequentatrici insieme ai propri bimbi di corsi di acquaticità. Oltre a richiamare ai piccoli sensazioni inconsce, le attività in acqua promuovono anche i riflessi e il coordinamento dei movimenti.Un vero allenamento per il cuoreNuotando si esegue un lavoro muscolare prevalentemente aerobico e questo induce indubbi vantaggi a livello del sistema cardiocircolatorio.Se si nuota con regolarità (per esempio un paio di volte la settimana) anche per poco tempo, il muscolo cardiaco si abitua man mano a consumare, a parità d'intensità d'esercizio, sempre meno ossigeno e a disperdere meno energie.E se il consumo energetico si abbassa, si abbassa anche la frequenza cardiaca: il cuore si adatta allo sforzo e risulta ben allenato.Ma quelli sul cuore non sono gli unici benefici indotti dalla pratica del nuoto. La tabella illustra altri vantaggi per il corpo e per la mente, più avanti descritti in dettaglio.CorpoMenteFavorisce la perdita di pesoAiuta a vincere la paura dell’acquaRiduce il rischio di malattie cardiovascolariFavorisce il benessere e il recupero della propria corporeitàRinforza i muscoli, senza dover compiere sforzi bruschiPromuove la socializzazioneOffre i benefici dell'attività termaleSe praticato con spirito agonistico, induce a concentrarsi sui propri movimenti e a prendere consapevolezza delle proprie capacità

LEGGI TUTTO 

Curare la sinusite con rimedi naturali

Quando l’infiammazione colpisce i seni paranasali, i sintomi più fastidiosi possono essere trattati con successo anche grazie ai metodi della nonna.Scambiare la sinusite per un banale raffreddore è abbastanza facile perché i sintomi di partenza sono uguali: naso chiuso, febbre e mal di testa. Eppure, ci sono alcuni segnali che dovrebbero indurci a sospettare di trovarci di fronte a qualche cosa di differente.In ogni caso, è possibile prevenire la sinusite.Come e perché arrivaIn caso di raffreddore o allergia, i tessuti dei seni paranasali si gonfiano e iniziano a produrre una maggiore quantità di muco, proprio come succede all’interno del naso. Ma se il sistema di drenaggio di questi canalicoli si blocca, il muco rimane intrappolato all’interno e facilita lo sviluppo di virus, batteri o funghi.Spesso la sinusite si risolve spontaneamente, senza bisogno di farmaci, in due o tre settimane (sinusite acuta). Alcune volte, invece, si protrae per mesi (sinusite cronica) e necessita di terapie farmacologiche.Per rendere più veloce il decorso della malattia, è meglio evitare gli ambienti molto secchi, il fumo, gli sbalzi di temperatura repentini e le temperature rigide.Rimedi naturali antichi e moderniIn ogni caso, esistono rimedi naturali che ci aiutano ad alleviare i disturbi più fastidiosi, come il naso chiuso e il mal di testa da sinusite. A partire dai suffumigi fino ad arrivare alle tisane.Vediamoli nel dettaglio.Suffumigi. L’inalazione di vapore è la più classica e antica delle terapie drenanti ed è utile contro il dolore, la tensione muscolare del viso, la congestione e l’infezione. Ed è anche la più semplice: basta versare dell’acqua bollente in un recipiente, aggiungere erbe aromatiche oppure oli essenziali e inspirare profondamente. Ecco alcune “ricette”:Allo zenzero: prendete circa 3 centimetri di radice fresca e sminuzzatela in pezzetti più piccoli. Fateli bollire in una tazza di acqua per due minuti. Respirate i vapori, coprendovi con un asciugamano. Se non avete a disposizione lo zenzero fresco, versate 2 cucchiaini di quello in polvere direttamente nell’acqua bollente.RimedioBeneficiSuffumigiContrastano dolore, tensione muscolare del viso, congestione e infezioneLavaggi nasaliUmidificano, detergono e disinfettano le mucose nasaliMassagi al visoSbloccano la congestione nasaleBagni e docceDecongestionano le mucoseTisaneEliminano le tossine, fluidificano il muco, hanno attività antinfiammatoria eastringenteAll’aglio: in una scodella, pestate due o tre spicchi di aglio e aggiungete un cucchiaino di aceto di mele. Versate sopra mezzo litro di acqua bollente e inalate i vapori.All’eucalipto: in mezzo litro d’acqua bollente, mettete un cucchiaio di foglie di eucalipto, un cucchiaio di timo e uno di gemme di pino. Inalate i vapori caldi due o tre volte al giorno.Inalatori a getto di vapore. Sono i fratelli più giovani dei suffumigi e rappresentano un metodo più efficace per inalare vapore. Si acquistano in farmacia, ma possono essere anche noleggiati.Utilizzateli per inalare acque termali (le più adatte sono quelle solforate e salsobromoiodiche, ossia di mare), oli essenziali come la lavanda, l’eucalipto e l’elicriso (azione antiallergica e disinfettante), propoli (azione antibatterica), limone, camomilla e bicarbonato (azione antisettica e lenitiva).Va bene anche l’aerosol (con soluzione fisiologia) grazie alla sua funzione detergente e idratante.Lavaggi nasali. Se non possedete né un inalatore, né un apparecchio per l’aerosol, potete fare dei lavaggi del naso con uno schizzetto o una siringa (senza ago). Perfetta in questo caso la soluzione salina, che aiuta a umidificare, detergere e disinfettare le mucose nasali. Si ottiene sciogliendo un quarto di cucchiaino di sale e un quarto di cucchiaino di bicarbonato di sodio in 30 ml di acqua.Massaggi. Grazie al massaggio del viso e alla pressione sui punti indolenziti è possibile contribuire a sbloccare la congestione.Massaggi al tea tree oil: spalmare alcune gocce dell’olio, che ha un’azione antisettica, sulle parti indolenzite, massaggiando con vigore per 30 secondi. Evitate, però, il contorno occhi.Pressioni alla cannella: mescolate mezzo cucchiaino di polvere di cannella con sufficiente acqua in modo da farne una pastella. Applicate sulla zona del viso corrispondente ai seni paranasali intasati.Bagni e docce. I vapori caldi aiutano a decongestionare le mucose. Appena svegli, fate una doccia calda: la mattina infatti è il momento più critico per la sinusite.La sera, prima di andare a letto, godetevi il piacere di un buon bagno, a cui aggiungerete alcune gocce di oli essenziali: quello di lavanda ha proprietà antinfiammatorie, mentre quelli di bacche di ginepro, mirra e rosmarino aiutano a ridurre l’eccesso di muco e a disintossicare l’organismo (attenti però: durante la gravidanza e l’allattamento evitate gli oli di bacche di ginepro e di rosmarino).Tisane. Se siete appassionati di infusi e tisane, sappiate che la radice di tarassaco e quella di liquirizia sono perfette per l’eliminazione delle tossine, mentre il decotto di marrubio, issopo e tussilagine è ottimo per fluidificare il muco.Indicate anche questi infusi, semplici da preparare:Zenzero: ha attività antinfiammatoria. Versate 1 cucchiaino di zenzero fresco grattugiato e un cucchiaino di miele in una tazza di acqua bollente. Bevete 3-4 tazze al giorno. In mancanza di quello fresco, utilizzate zenzero in polvere.Fieno greco: è un buon decongestionante. Mettete un cucchiaino di semi di fieno greco in una tazza di acqua bollente e lasciate infondere per 15 minuti. Filtrate e bevetene 3-4 tazze al giorno.Verbena:
 è antinfiammatoria e astringente. Mettete 2 cucchiaini di verbena in una tazza d’acqua calda. Lasciate riposare per 10 minuti, filtrate e bevete, meglio se dolcificato con miele di lavanda.

LEGGI TUTTO 

Influenza? Attenti al cuore

Le patologie cardiovascolari aumentano il rischio legato alle complicanze dell’influenza. Meglio prevenire il contagioLe patologie cardiovascolari aumentano il rischio legato alle complicanze dell’influenza. Fondamentale la prevenzione dei malanni invernali.Chi è cardiopatico deve fare tutto il possibile per evitare di contrarre virus influenzali. Diversi studi scientifici hanno infatti dimostrato che chi soffre di malattie cardiovascolari può andare incontro a complicanze dell’influenza più rischiose. Più di quanto succeda in altre malattie croniche.Le patologie del cuore e del circolo sanguigno non rendono più vulnerabili al virus, nel senso che il rischio di ammalarsi di influenza è identico a quello della popolazione generale. Il problema è che l'influenza diventa più difficile da debellare.Sappiamo anche che una banale influenza può provocare stress che possono interferire con la pressione sanguigna, la frequenza cardiaca e la funzionalità generale del cuore.Alcune ricerche hanno anche scoperto che il rischio di avere un infarto o un ictus raddoppia nella settimana che segue un'infezione respiratoria, come per esempio un'influenza.I ricercatori ritengono che questo possa spiegare anche perché tali eventi cardiovascolari si presentano più frequenti durante i mesi invernali.Sintomi in presenza di cardiopatieI sintomi dell’influenza nelle persone cardiopatiche non sono diversi da quelli che insorgono in tutti gli altri:febbre (solitamente alta) a insorgenza improvvisadolori articolari e muscolaridebolezza generalizzatamal di testatosse seccamal di gola e riniteComplicazioni particolariOltre alle “normali” complicazioni che possono colpire chiunque, dopo un’influenza, coloro che soffrono di malattie cardiovascolari sono più a rischio di complicanze cardiache, come l’infarto.Sembra infatti che lo stato infiammatorio conseguente all’infezione da virus influenzale possa portare alla rottura di placche aterosclerotiche quiescenti, con successiva formazione di trombi che causano l’infarto.Quando chiamare il medicoI cardiopatici dovrebbero sempre comunicare al proprio medico l’insorgenza di sintomi influenzali, in modo tale da permettere al curante di prescrivere, se lo ritiene, un antivirale che può contribuire a fare diminuire l'intensità dei sintomo e la durata dell’influenza.È opportuno chiamare subito il medico anche se compaiono i seguenti problemi:difficoltà a respirarei sintomi non migliorano dopo tre o quattro giorni di influenzai sintomi peggioranodopo un primo miglioramento insorgono mal di stomaco, vomito, febbre alta, brividi, dolore al torace, o tosse con muco spesso e giallo-verde.Vaccino antinfluenzale e igieneChi soffre di patologie cardiovascolari dovrebbe sottoporsi alla vaccinazione antinfluenzale. Il momento migliore è tra ottobre e novembre. Tuttavia, se non ci si è vaccinati in questi due mesi, è possibile ancora avvantaggiarsi del vaccino in gennaio o addirittura più avanti, dal momento che la stagione dell’influenza può proseguire fino a maggio.Inoltre occorre lavarsi spesso le mani per eliminare tutti gli eventuali germi presenti, evitando che ci infettino quando ci tocchiamo la bocca, il naso, o gli occhi.Le terapie consigliateI cardiopatici e chi soffre di ipertensione devono fare attenzione nell’uso dei farmaci sintomatici contro l’influenza, è bene che si rivolgano al proprio medico curante per trovare la cura più adatta senza interferire con le medicine usate per curare le malattie cardiovascolari.

LEGGI TUTTO 

In primo piano

DocInforma

LEGGI TUTTO 


I nostri servizi

Intolleranze alimentari

Floriterapia

Liquidi e alimenti

Polso ayurvedica